banner2.jpg

Itin. n° 39- M. Macchialta ( 1751 m) e M. Pellicciara (1687 m).

Un anello intorno all'ultima foresta.                                                                                                

 D'inverno.                                                                                                                      Consigliabile privo di pericoli oggettivi.

Andata: da Colle le Cese a Forca di Presta per cresta.                                                       Ritorno: per il Pian Piccolo e la Dogana.

Colle le Cese.                                                                                                                               Da Ascoli Piceno: SS 4 "Salaria" fino a ca. 2 km oltre Trisungo, quindi bivio per Forca Canapine. Dopo 14 km bivio a ds., 1 km per il Rifugio "Città di Ascoli" (km 42).                       Da Macerata: dopo Sforzacosta si prende la SS 78 "Picena"  fino alla SS 4 "Salaria" (km 85) quindi a ds. come sopra (km 120 ca.). Più lungo, ma più comodo il tragitto Macerata, Civitanova, A14 fino a San Benedetto del Tronto e SS 4 "Salaria" fino a Trisungo (km 145 ca.).                                                                                                                                             Da Perugia: SS 75 fino a Foligno (km36) poi SS 77 fino a Casenove (km 52), quindi SS 319 fino a Borgo Cenneto(km 78). A sn. fino a Triponzo (km 81), quindi a ds. SS 396 per Norcia, infine si sale a Forca Canapine. Dopo il valico si ridiscende per ca. 2 km fino al bivio a sn. per il Rifugio "Città di Ascoli" (km 123 ca.).

Dislivello: 507 m. Tempo andata: 2-2,30 ore. Tempo ritorno: 2-2,30 ore. Carte: I.G.M. F. 132 II NO (Arquata del Tronto). Segnaletica: bianco-rossa.

Dal Rif. Città di Ascoli sul Colle le Cese (1484 m) si prosegue a sn. per strada bianca che continua, pe rprendere la comoda e larga cresta in saliscendi. Superato il Colle Saliere (su cui è installato un piccolo impianto sciistico) e raggiunto per un'altra pista, dopo averne attraversata un'altra, il Colle Cardisciana, si giunge sotto il M. Macchialta. Risalirlo per la breve e ripida cresta (o più comodamente tagliando il pendio alla sua sn., sopra il bosco, sino a raggiungere e risalire verso ds. la cresta), con vista sulla sottostante magnifica faggeta secolare (Macchia Cavaliera) che scende sul Pian Piccolo (1751 m, 1,05 ore). Discendere la cresta opposta (Nord) e risalire, dopo una sella, Il M. Pellicciara (1687 m). Da qui seguendo la cresta ondulata ci si porta alla sella prima del M. Forciglieta, dalla quale una pista scende diagonalmenta a ds. sulla strada, di fronte al Rifugio A.N.A. (1560 m). Percorrere a sn. la strada bianca per 300 m fino a Forca di Presta (1536 m), dove ci si immette sulla strada Pretare-Castelluccio. 

Ritorno.                                                                                                                                       Seguire la strada a sn. in discesa per poco e, superato un casale per pastori con fonte, abbandonarla e scendere alla sua sn. il Vallone che si percorre per il sentiero sul fianco ds. e, dove termina, sul fondo. Ci si immette in una pista che, a sn. porta al vicino Casale Amati (1373 m). Superato il Casale, continuare per la pista che segue la vecchia strada doganale (Dogana su I.G.M.) sul Pian Piccolo, serrato tra la cresta dell'andata ed il M. Guaidone, sino a giungere al Laghetto (1327 m), con alla sua ds. il Silos Amati. Ora seguire verso sn. un'altra pista che raggiunge in breve salita Fonte del Vescovo (1370 m) dove si biforca; prendere il ramo sn. che più ripidamente sale a tornanti sul Colle le Cese, sbucando proprio dietro al Rif. Città di Ascoli (2,10 ore).

Attenzione alla quota per i giovani escursionisti (bambini). Portare con se abbondanti scorte d'acqua. Essere sempre muniti di carte oppure essere accompagnati da una Guida. Non andare mai da soli, e portare a conoscenza sull'itinerario che si vuol svolgere.