banner1.jpg

Itin. n°3- Il Monte Vettore da Forca Di Presta.

                                                          Descrizione percorso.

Salita: da Forca di Presta per la Sella Delle Ciaule.                                                                  Discesa: stesso itinerario.  

D'inverno.                                                                                                                             Sicuramente più interessante che d'estate, anche per il minore affollamento. La condizione di neve  assestata è necessaria soprattutto per il pendio che dal Vettoretto porta alla Sella delle Ciaule, dove, in alternativa, è possibile trovare lastroni ghiacciati.

Dislivello: 940 m.-- Tempo salita: 2,30-3 ore.-- Tempo discesa: 1,45-2 ore.--Carte: I.G.M. F.132 II N.O. (Arquata del Tronto).-- Segnaletica: bianco-rossa fino alla Sella delle Ciaule.

Da Forca Di Presta(1536 m s.l.m.) prendere il sentiero che in salita a sn. conduce alla larga cresta, a monte di un casale per pastori con fonte,e che poco dopo s'impenna ghiaioso. Il sentiero aggira i salti sino ad un punto(q 1759 m,040 h)in cui la cresta si allarga ad ampio prato in leggera salita. Quando il pendio diventa più ripido, si lascia il sentiero che sale a ds. del salto successivo per portarsi decisamente a sn. per il sentiero dapprima poco evidente, poi sempre più marcato, che aggira il salto a sn. Tornato a ds. si raggiunge una larga sella(Stazzo Petrucci,1922 m, 0,25 ore). Risalire ora il ripido e ghiaioso salto soprastante,(all'inizio Croce di Tito Zilioli), sino a raggiungere la sella tra il Vettoretto(2052 m) e l'alta cresta di sn. Piegare a sn. per tracce,abbandonando il sentiero che prosegue in piano,e prendere quello che con pendenza crescente attraversa tutto il ghiaioso pendio(Sud-Est) della Cima di Prato Pulitosino al Rif. Zilioli ed alla Sella delle Ciaule(2240m, 0,55 ore)      Seguire ora a ds. la cresta fino a raggiungere il sentiero che con tornanti risale il cono sommitale giungendo sulla cima(2476 m, 0,40 h).

Attenzione alla quota per i bambini.  Un pò di attenzione nel tratto in prossimità del rifugio Tito Zilioli abbastanza scosceso e scivoloso, soprattutto in discesa. Si raccomandano la carta del Parco e le scorte d'acqua in quanto non ci sono sorgenti lungo l'intero percorso. E' sconsigliato andare al Vettore in scarpe da tennis o infradito, utilizzare solo scarponi da trekking.